Skip to main content
  • Account utente

Rookies on Ice

Padre e figlio vanno in drifting


  • 01 Aprile 2022 |
  • Rapporti dei membri

Dopo diversi giri più o meno veloci sulla Nordschleife, per il 2022 vogliamo di più: per Natale ci regaleremo l'iscrizione al Pistenclub. Come passo preliminare a qualche trackday, vogliamo conoscere le possibilità fisiche e i limiti dei nostri veicoli a velocità rilassate durante l'allenamento invernale di drifting a Muhr.
  • Testo:
    Dominik Kisskalt
  • Foto:
    TR Fotografie

Venerdì, dopo aver terminato presto il lavoro, partiamo verso sud da Norimberga e Monaco. Quando arriviamo nella pittoresca St. Michael im Lungau, ricoperta di neve, la temperatura è di un gelido -8° C. Dopo un breve check-in, ci siamo recati direttamente al vicino pub. Lì incontriamo già i primi partecipanti e istruttori dell'allenamento di domani. Davanti a Wiener schnitzel e cordon bleu immaginiamo come sarà la giornata successiva. Non sapevamo quanto le nostre aspettative sarebbero state superate.

272685481 4972761756118122 616820799570776090 n

Riunione dei piloti in perfetto clima invernale.

La mattina dopo siamo partiti presto: riunione dei piloti alle 9 nella valle di Muhr, a circa dieci minuti di distanza. A -10°C, abbiamo sghiacciato le auto e portato tutto a temperatura di esercizio. Poiché non eravamo mai stati a un evento di Pistenclub e non conoscevamo le procedure, non volevamo arrivare troppo tardi. In breve, siamo arrivati troppo presto, il che si è rivelato un vantaggio. Questo ci ha dato abbastanza tempo per la registrazione e per uno scambio vivace con lo staff del Pistenclub, anche al di là dell'evento. Tutto è stato estremamente semplice e tutti sulla stessa lunghezza d'onda. 27 partecipanti hanno preso parte a queste due giornate. Un gruppo eterogeneo di veicoli e personaggi, dalla storica Ford Escort da rally all'Audi RS6 da 600 CV. Qui, come abbiamo potuto constatare ancora più chiaramente nel corso delle due giornate, non importa con quale veicolo, concetto di guida o livello di esperienza ci si trovi sulla strada. Il divertimento è garantito in ogni caso. Ciò che ci ha davvero sorpreso è stato il numero di partecipanti che hanno preso parte a questo training per la seconda, terza o addirittura quarta volta. Come piccola chicca, una replica dell'Audi S1 sport quattro è stata fatta scendere dal rimorchio mentre eravamo ancora riuniti per l'incontro con i piloti. Non credo di dover spiegare ulteriormente perché l'inizio dell'incontro con i piloti è stato in qualche modo ritardato. Mancava solo "Walter", ma l'avevamo mancato di un giorno... Dopo la riunione dei piloti, siamo stati divisi in tre gruppi. Ci siamo iscritti al "gruppo dei debuttanti", poiché non eravamo ancora riusciti a fare esperienza sul ghiaccio. I percorsi di prova venivano sempre percorsi una o due volte dietro l'istruttore, in modo che tutti conoscessero il tracciato. Sul primo tracciato, sotto le istruzioni dell'istruttore Manfred, abbiamo dapprima tastato lentamente i limiti del nostro veicolo e provato a far passare il veicolo. Naturalmente con i sistemi di controllo disattivati.

272685481 4972761756118122 616820799570776090 n

Dominik Kisskalt con la Golf R sul percorso di handling.

Manfred ha dapprima osservato il percorso dall'esterno durante i primi giri e poi è salito sul sedile del passeggero per dare i primi consigli personali. Dopo circa 20-30 minuti, è arrivato il momento dell'esercizio successivo, lo slalom classico. Qui è stato particolarmente interessante osservare come si possa motivare il veicolo al sovrasterzo premendo il pedale dell'acceleratore o toccando leggermente il freno al momento giusto. Questa è stata un'intuizione importante, soprattutto per quanto riguarda la mia Golf 7 R a trazione integrale, al fine di ottenere o mantenere la derapata. Abbiamo trascorso circa 20-30 minuti su questo esercizio, alternando la guida attraverso lo slalom e il ritorno al punto di partenza attraverso una tortuosa pista di ghiaccio. Poi siamo passati alla terza e ultima esercitazione della mattinata: le evoluzioni sul ghiaccio a diverse velocità. A questo scopo sono stati allestiti due cancelli a piloni, che dovevano essere attraversati a velocità diverse, e quando si superava il primo cancello si doveva frenare completamente fino a fermarsi. Abbiamo iniziato a una velocità di 40-50 km/h, facilmente gestibile, per poi aumentare sempre di più. A circa 75 km/h, tuttavia, abbiamo raggiunto il limite dei nostri pneumatici per questo tipo di superficie.

272685481 4972761756118122 616820799570776090 n

Le sezioni di guida sono state delimitate con piloni.

Nonostante ciò, è stato molto impressionante vedere l'elevata aderenza dei normali pneumatici invernali su questa pista di ghiaccio preparata (a patto che non ci sia il sole!). Dopo un breve rinfresco presso il Messenwirt di Muhr, nel pomeriggio due dei tracciati sono stati uniti in un'unica grande pista, in modo da avere a disposizione un totale di due grandi circuiti per il drifting. I partecipanti si sono divisi tra le due piste e dopo un po' sono stati liberi di passare da una pista all'altra a seconda di quella che preferivano o dove c'era meno azione. Ciò che ci ha particolarmente colpito della guida libera è che, guidando per un periodo di tempo più lungo, si ha avuto l'opportunità di sviluppare lentamente un feeling con la derapata e di entrare nel flusso, di prendere lo slancio da una curva all'altra, in modo che fosse come un balletto fluido. È stato anche utile osservare che, con l'aumentare della pratica, le manovre sul volante sono diventate molto meno frequenti a parità di angolo di derapata o addirittura con un angolo maggiore. Si può sterzare così tanto con i pedali quando si attraversa. È stato un vero piacere quando si è riusciti a percorrere le prime curve in una sola volta e a centrare l'apice in qualche modo. A quel punto non si trattava più di reagire al veicolo, ma di tornare a guidare in modo "normale", ma naturalmente con un divertimento 100 volte maggiore.

img 0453

I nostri istruttori esperti erano a disposizione per offrire consigli e supporto.

Dopo circa 40 minuti è stata fatta una breve pausa caffè. Qui abbiamo potuto avere uno splendido scambio con gli altri partecipanti. Nel complesso, il primo giorno abbiamo dovuto tirare fuori dalla neve un partecipante solo due volte. L'attrezzatura pesante, sotto forma di un trattore con catene da neve, è potuta rimanere nel fienile.

Come sempre quando ci si diverte davvero, il primo giorno è finito troppo in fretta e, a malincuore, siamo tornati al nostro appartamento di vacanza verso le 16.00. All'improvviso, la guida di un normale veicolo è stata un po' più difficile da gestire. All'improvviso, guidare un'auto normale sulla strada ci è sembrato in qualche modo strano, c'era qualcosa che mancava nel guidare attraverso la curva.

img 0478

Nel cerchio di drift, la BMW M2 Competition a trazione posteriore è riuscita a sfruttare i suoi punti di forza.

La seconda giornata ha avuto una configurazione simile alla prima, con un'enfasi maggiore sulla guida libera sulle due grandi piste. Tuttavia, ci siamo riscaldati con due piccoli esercizi di guida sotto la guida degli istruttori. Su una pista ci siamo esercitati nella "curva dell'agente" (accelerare all'indietro, girare e continuare in avanti). Sull'altro tracciato è stata preparata una grande rotonda, che poteva essere percorsa in successione per far derapare il veicolo in un cerchio. Qui la M2 Competition a trazione posteriore ha potuto mostrare tutta la sua forza. È stata una sfida per la mia trazione integrale mantenere il veicolo trasversale per un periodo di tempo più lungo, poiché la piattaforma tende a sottosterzare piuttosto che a sovrasterzare.

Dopo di che, la guida è stata di nuovo libera. Nel corso del pomeriggio, le file dei partecipanti si sono assottigliate notevolmente a causa degli avvicinamenti, a volte piuttosto lunghi. Poiché noi, come meridionali della Franconia, non avevamo molta strada da fare, abbiamo sfruttato appieno il tempo a disposizione.

272685481 4972761756118122 616820799570776090 n

Dopo due giorni di guida varia, tutti erano d'accordo: pollice in su per l'allenamento invernale.

Resumé: è stato semplicemente gigantesco! Ora possiamo capire perché alcuni partecipanti partecipano più volte a un corso di formazione di questo tipo e possiamo dire che anche per noi non sarà certo l'ultima volta. in questo senso, un sentito ringraziamento allo staff del Pistenclub che ha reso possibili due giornate perfettamente organizzate e un arrivederci al prossimo anno nella valle della Muhr. Stop! Ci sono ancora alcuni trackday nel nostro calendario di quest'anno...

  • Prossimi eventi

Non ci sono eventi futuri
  • Dominik Kisskalt
    Autore

    Vi ringraziamo per la segnalazione e la ricompensiamo con un buono per una giornata in pista. Siete interessati a una pubblicazione sulla nostra rivista di club e sul nostro sito web e vorreste ricevere un buono? Allora inviate il vostro suggerimento via e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..